Feeds:
Articoli
Commenti

E’ successo qualche giorno fa.
Ero già a letto, non avevo voglia di leggere nulla di impegnativo e nemmeno di studiare, non mi andava un sudoku col table e nemmeno una partita a Ruzzle, quindi ho preso il tablet e ho dato una lettura veloce alle ultime notizie. E’ così che sono venuta a conoscenza dell’incredibile news:
“ritrovato lo scheletro del famoso Riccardo III”.

“Ma daiiiii !!!!” mi sono detta.

Ovviamente il mio primo pensiero è andato a lui, a Shakespeare, al suo malvagio antieroe, al protagonista negativo di uno dei suoi più famosi testi teatrali.
Quanto mi sarebbe piaciuto nascere uomo e recitare Riccardo III (secondo dopo Amleto) !
Così sotto le calde coperte invece di appisolarmi mi sono svegliata ancora di più ed ho letto la notizia.

Oscar de Summa in "Riccardo III"

Oscar de Summa in “Riccardo III”

La scoperta è stata fatta nel settembre scorso, quando un gruppo di archeologi chiese il permesso di scavare nel posteggio di un supermarket della città di Leicester. Cercavano le fondamenta di un convento, trovarono invece lo scheletro di un uomo con un evidente problema alla colonna vertebrale, il segno di una lama infilzata in una gamba e il cranio sconquassato, come fosse stato colpito da un oggetto pesante. Per gli studiosi, fin da allora, quello era Riccardo III, l’ultimo re della stirpe degli York prima del dominio dei Tudor, spietato antieroe shakesperiano, ambizioso sovrano che finì per regnare solo due anni cadendo per mano del rivale Enrico Tudor nell’agosto del 1485 a soli 32 anni ponendo fine alla guerra delle due Rose.
Ha passato più di cinquecento anni sepolto malamente sotto quello che adesso è un parcheggio della città di Leicester, accanto a quella che un tempo era la chiesa dei Frati Grigi, demolita nel 1530 e ora sede appunto di un parcheggio.

Fa quasi ridere.

Ma gli esperti sostengono che, oltre ogni ragionevole dubbio, lo scheletro sia proprio di Riccardo III. Lo dimostrerebbe il test del DNA condotto su un lontanissimo discendente della sorella, Michael Ibsen, fino a poco tempo fa inconsapevole commerciante di arredamento di origine canadese.

E anche su questo verrebbe da ridere.
Ma alla fine mi chiedo: non vi fa almeno venire la voglia di rileggere il dramma Shakespiriano?
A me sì.

A proposito di…….!

Fra pochi giorni Thresel inizierà i suoi viaggi nel tempo, partendo da Codigoro e proseguendo nel ferrarese.
Come suo solito visiterà biblioteche e scuole per raccontare del suo amato Amadè. Così io, per non cadere nella banalità, ho deciso di scrivere due righe su questo blog proprio a proposito di…..di…Shakespeare…..ah ah ah
Il fatto è che qualche settimana fa ho letto sul nuovo numero della bellissima rivista History .(visualizza tutto)

“Solo tre parole”

Tre cose sono necessarie per un buon pianista: la testa, il cuore e le dita.

Wolfgang Amadeus Mozart

Sotto una fitta neve

Giovedì 20 Febbraio 2012 – Alla “Casa della conoscenza” di Casalecchio di Reno, mentre cadeva una fitta neve, Thresel  è improvvisamente arrivata dal 1794.
Ad accogliere la domestica dei Mozart sono stati i simpatici e BAGNATI bambini delle scuole elementari Garibaldi con le loro maestre.
Le loro scarpe ad asciugare sotto i termosifoni, le loro gambe incrociate sulle sedie, i loro sguardi incollati a Thresel, le orecchie aperte, gli occhi attenti e tanti tanti tantissimi sorrisi.(visualizza tutto)

Oggi c’è l’opera di Hasse; ma poiché il papà non esce, io non ci posso andare. Per fortuna so a memoria quasi tutte le arie, e perciò posso sentirmele e vedermele in casa nel mio pensiero.

Milano , 7 Novembre 1771. Wolfgang Mozart

Non posso proprio scrivere meglio, ché la penna è adatta a vergare note, non lettere.

Bologna, 4 Agosto 1770. Wolfgang Mozart

Ho appena guardato il film “Il flauto magico” di Kenneth Branagh.
Ho sempre apprezzato Ken come attore, ancora di più come regista. Ma dopo aver visto questo film ormai per me è una certezza….si tratta di un genio e la sua passione scaturisce ad ogni fotogramma.
Come sempre Kenneth si cimenta in opere a dir poco MASTODONTICHE e, come sempre, non delude.

(visualizza tutto l’articolo)